Sakura

Un giorno Sakura Kinomoto, vivace ragazzina di dieci anni, sta aspettando che il padre, professore di architettura, torni a casa quando vede un libro dal nome “The Clow” e ne rompe il sigillo; dal tomo salta fuori un buffo animaletto parlante di peluches che dice di chiamarsi Cerberus e, in qualità di guardiano delle carte di Clow, di avere un importante compito da affidare a Sakura.

Diverse carte magiche, create dal potente mago Clow Leed, erano custodite all’interno del libro e ora sono sparite e rischiano, grazie ai loro poteri che le rendono “vive”, di creare disordini e catastrofi in città: la missione di Sakura è di recuperarle servendosi del potere conferitole da Kero-chan (come lei chiama Cerberus) che rimarrà sempre al suo fianco.

Questa recente produzione (la prima messa in onda in Giappone risale al ’98) sembra quasi voler dare nuovamente luce al genere delle “maghette” che, fatto salvo il fenomeno Sailor Moon, stava recentemente accusando un certo declino a causa di cloni su cloni (spesso proprio della “guerriera che veste alla marinara”) senza che si presentassero nuovi temi, nuove idee. La trama di Sakura si presenta senz’altro originale vista la presenza delle carte che innanzi tutto non sempre sono malvage; dotate di enormi poteri magici agiscono di propria volontà fintanto che non vengono catturate. Da allora prendono ordini dal loro padrone (la Sakura della situazione, ma in realtà non sara solo lei ad andare in cerca delle carte di Clow…) che a seconda della propria dotazione di carte magiche potrà disporre dei relativi incantesimi. La piacevole conseguenza di questo fatto è che ogni combattimento risulta quindi diverso dal precedente visti i differenti poteri in possesso di Sakura; a rendere ogni scontro unico contribuisce poi il fattore abbigliamento: il guardaroba da combattimento di Sakura è curato dalla sua ricca amica Tomoyo che provvede ogni volta a confezionare una nuova maschera per la compagna (di modo da poter rendere più varie le riprese che immancabilmente fa con la telecamera ad ogni cattura di carta…). Card Captor Sakura si compone di una lunga serie televisiva e di due uscite sul grande schermo datate 1999 e 2000; vi è poi il fumetto che non si distacca di molto dagli eventi trattati nella versione animata salvo per il ritmo leggermente meno lento.

bedava sex izleme videolari free mobile sex videos